Le 3 cose più importanti da sapere sulle app di servizi on-demand

20/10/2021

Uber, Instacart, Netflix – le app di servizi on-demand sono entrate senza problemi e in modo travolgente nella nostra vita quotidiana. A un certo punto, la fresca ondata di applicazioni mobili di servizi on-demand per iOS e Android ha segnato una netta inversione di tendenza nel modo in cui le aziende forniscono i loro servizi […]

Uber, Instacart, Netflix – le app di servizi on-demand sono entrate senza problemi e in modo travolgente nella nostra vita quotidiana. A un certo punto, la fresca ondata di applicazioni mobili di servizi on-demand per iOS e Android ha segnato una netta inversione di tendenza nel modo in cui le aziende forniscono i loro servizi ai clienti. Non solo tutti sono così occupati con le loro carriere e famiglie che non c’è più tempo per compiti di routine come fare la spesa, cucinare, guidare o pulire la casa. Ci sono stati una serie di cambiamenti sociali globali nel recente passato che hanno portato alla crescente popolarità dei servizi on-demand.

Queste utili applicazioni mobili mirano a colpire i clienti che hanno bisogno di un accesso facile e veloce ai servizi. In risposta, il mercato soddisfa questa domanda creando l’ambiente di acquisto perfetto dove le persone possono essere sicure della qualità, della convenienza e dell’affidabilità del processo di consegna del servizio.

1. Cos’è un’app di servizi on-demand?

Le app di servizi on-demand sono piattaforme di servizio che collegano i clienti sensibili ai tempi di attesa con fornitori di servizi indipendenti o agenti. Un’app di questo tipo funge da mediatore tra un’azienda e un cliente, permettendo loro di trovarsi a vicenda e di impegnarsi in una relazione cliente-fornitore a condizioni reciprocamente soddisfacenti. Queste transazioni sono diverse da quelle di una tradizionale relazione tra datore di lavoro e dipendente. Anche la mediazione di queste relazioni non si adatta a nessun modello convenzionale di cooperazione. Si tratta invece di un ripensamento su larga scala delle leggi sul lavoro che è ancora in corso. Queste applicazioni hanno guadagnato la loro popolarità grazie alla loro capacità di soddisfare la domanda di ogni particolare individuo. Inoltre, poiché il numero di utenti mobili continua a crescere, anche le aspettative degli utenti plasmate da questo cambiamento sono aumentate così tanto che gli utenti si aspettano di ottenere ciò di cui hanno bisogno in quasi ogni momento toccando un paio di volte lo schermo. L’asticella è stata alzata così tanto che non c’è altra opzione che conformarsi agli standard.

Per darvi un quadro più chiaro del panorama del mercato dei servizi on-demand, vi suggeriamo di dare un’occhiata ad alcune recenti statistiche, tendenze e dati. Secondo il National Technology Readiness Survey (NTRS,) dal 2018 al 2019, l’economia on-demand statunitense sarebbe cresciuta del 18%. Inoltre, il rapporto ha offerto l’analisi della partecipazione all’economia on-demand per categoria nel 2016-2019. Un’altra analisi di NTRS ha rilevato che il numero di consumatori on-demand è raddoppiato dal 2016 al 2018 (25 e 56 milioni, rispettivamente).

2. Come funziona un modello di business on-demand

In generale, con il self-service on-demand, i clienti sono liberi di decidere quali servizi usare o abbonarsi e quanto investire per usarli. Tutto è disponibile alla strisciata di una carta di credito o attraverso un sistema di pagamento online.

Aziende come Uber o Netflix mettono in contatto le persone che vogliono beni (ad esempio, un pasto da un ristorante) o servizi (ad esempio, lo streaming video) con persone che possono fornire loro ciò che stanno cercando per un certo prezzo.

Di solito, le app di servizi on-demand si concentrano su una singola area di dominio come Airbnb che aiuta le persone a trovare un alloggio, Lyft che fornisce il trasporto, e GrubHub che permette di ordinare i pasti. A volte tale specializzazione si traduce in una società che lancia e gestisce più attività in diversi domini, come è successo con Uber e Uber Eats che sono diventate due applicazioni separate. In questo modo, rimane relativamente facile per i consumatori navigare attraverso un mercato di servizi segmentato. Sanno sempre quale applicazione aprire quando cercano una particolare cosa che vogliono, che sia cibo, taxi, alloggio o intrattenimento.

Un modello di business dei servizi on-demand è anche caratterizzato da un’immensa sensibilità al ritardo e da un’elevata indipendenza dell’agente. In altre parole, gli utenti si aspettano che beni e servizi siano consegnati immediatamente. D’altra parte, gli agenti (fornitori di servizi) servono come contraenti indipendenti nel senso che decidono se e quando lavorare e ricevono pagamenti dalla piattaforma per ogni servizio completato.

Un modello on-demand consente l’accesso a un pool più ampio di fornitori di servizi e di clienti ed è destinato a guidare una migliore esperienza del cliente. Pertanto, le piattaforme di servizio on-demand sono di solito sviluppate sotto forma sia di un’app mobile che di una web app per permettere agli utenti di arrivare a ciò che vogliono più velocemente e più facilmente. Queste app sono, a loro volta, gestite attraverso la dashboard di amministrazione che permette di vigilare su ogni singola operazione in corso e completata.

Uno sguardo più approfondito ai servizi per la casa

Si prevede che i servizi domestici on-demand online cresceranno di oltre 1,5 miliardi di dollari dal 2020 al 2024. ll servizi domestici on-demand possono essere classificati come segue:

    • Servizi di pulizia e riparazione della casa
    • Imballaggio e trasloco
    • Babysitting
    • Cura degli animali domestici
    • Altri servizi

Le applicazioni online di servizi per la casa su richiesta possono garantire agli utenti l’accesso a un grande pool di professionisti registrati che si prenderanno cura delle loro case, dei bambini e degli animali domestici. I clienti hanno bisogno di uno strumento semplice per prenotare online la pulizia e altri servizi per la casa. Questo strumento dovrebbe anche permettere il confronto dei prezzi, garantire la credibilità di ogni appaltatore e permettere di controllare le recensioni e le valutazioni. Una tale richiesta ha dato origine a molti nuovi servizi online per la casa che stanno emergendo sia sotto forma di web che di applicazioni mobili. Inoltre, gli utenti possono scegliere di richiedere assistenza da un’organizzazione indipendente che impiega direttamente i lavoratori o optare per un mercato che funge da mediatore collegando i clienti con appaltatori specializzati.

3. Come costruire un’app di servizi on-demand di successo?

Le app di servizi on-demand differiscono molto. Usando un’app di ride-hailing, manteniamo le nostre aspettative non troppo alte. Se l’autista arriva in tempo, non si perde e la macchina è pulita, la qualità del servizio può essere considerata buona. Tuttavia, ci sono servizi più elaborati come il babysitting, la consulenza medica, un trattamento del viso o un taglio di capelli che richiedono un livello di competenza molto più alto. Allora non basterà che una persona a caso si presenti per fare una di queste cose. Ci aspettiamo che un professionista nel suo campo si prenda cura di noi.

In un modo o nell’altro, ci sono ancora distinti principi di base, secondo i quali tutte le app di servizi on-demand per Android e iOS vengono costruite. Vi suggeriamo di fare questi cinque passi per creare la vostra applicazione di servizio on-demand di successo:

  • Scegliere una nicchia. La vostra capacità di crescita inutilizzata può andare oltre le categorie che abbiamo menzionato sopra. C’è molto di più da esplorare nel regno dei servizi su richiesta. Quindi, tieni aperte le tue opzioni e non concentrarti sull’area in cui altre aziende hanno già trovato il loro successo. Trovate la vostra specialità, ma ricordate che non basta riempire la nicchia. Questa nicchia deve essere riempita con un prodotto che la gente amerà, quello che renderà la loro vita migliore. Assicurati che il prodotto finale sia affidabile, facile da usare e disponibile in ogni momento.
  • Iniziare a livello locale. Inizia in piccolo, pensa in grande, si dice. Questo è precisamente il caso in cui si dovrebbe seguire il consiglio. È sempre una buona idea esplorare e sondare prima di impegnarsi completamente nel business. È più saggio correggere i difetti e prendersi il tempo per sistemare le questioni in sospeso quando non c’è troppo in gioco. Operando a livello locale, è più probabile che tu abbia le cose sotto controllo – che si tratti del reclutamento di nuovi appaltatori, della gestione della logistica, della formazione professionale, del marketing o degli aggiornamenti delle app.
  • Definisci il tuo pubblico di riferimento. Sapere chi è quella particolare persona di cui il tuo servizio è destinato a beneficiare è fondamentale per il successo della tua impresa. In realtà non è essenziale se pensi che la tua app sia impeccabile. Il tuo pubblico deve esserne convinto. Sviluppa sempre un prodotto con l’utente finale in mente. E il numero di tentativi per voi di dimostrare l’efficienza della vostra app di servizi su richiesta all’utente potenziale è molto limitato. Fai un’accurata ricerca di mercato, conduci test beta, e non dimenticare di guardare il nostro articolo su quali errori evitare nella tua campagna di marketing.
  • Definire una strategia di prezzo. Trovare la giusta strategia di prezzo è la priorità assoluta per qualsiasi business a scopo di lucro. Per alcune app di servizi on-demand, è il fornitore che stabilisce i prezzi, mentre in un tradizionale marketplace on-demand, i venditori definiscono i propri prezzi, e tu puoi solo far pagare una tassa di servizio. Tuttavia, quando si tratta di soldi, la possibilità di fare un errore è sempre presente. La strategia più pericolosa è quella di fissare prezzi troppo alti. Non essere avido. Può renderti incapace di affrontare la concorrenza e minare tutti gli sforzi fatti per creare l’app.
  • Decidete la funzionalità. Certo, la funzionalità di un’app di bellezza su richiesta sarà diversa da quella di un’applicazione di telemedicina. Inoltre, probabilmente dovrai creare un’app per i clienti, un’app per i fornitori di servizi e un pannello di amministrazione, che richiedono tutte caratteristiche diverse. Tuttavia, ci sono alcune caratteristiche di base di cui qualsiasi app per servizi su richiesta non può fare a meno.
      • Registrazione e autorizzazione degli utenti. Gli utenti dell’app devono essere in grado di creare e impostare facilmente i loro profili. Ti fornirà informazioni comportamentali essenziali e permetterà ai clienti di visualizzare i profili dettagliati degli agenti registrati.
      • Ricerca di prodotti o servizi, filtri ed elenchi. Filtri, elenchi e cataloghi aiutano gli utenti a navigare nell’app e a spendere meno tempo nella ricerca di uno specialista ideale.
      • Integrazione delle mappe e tracciamento live delle consegne. Con l’aiuto dei servizi di geolocalizzazione, i clienti e i fornitori di servizi indipendenti saranno in grado di controllare reciprocamente dove si trovano e quindi scoprire il tempo stimato di arrivo.
      • Carrello della spesa e riepilogo dell’ordine. Che si tratti di un appuntamento dal medico o dallo stilista, del pranzo di oggi o di una corsa, i clienti dovrebbero essere in grado di rivedere il loro ordine, modificarlo, cancellarlo se necessario, e confermare i dettagli.
      • Integrazione dei metodi di pagamento. Avere più gateway di pagamento robusti è un must per qualsiasi app di servizi on-demand. Assicuratevi che sia senza soluzione di continuità e sicuro per gli utenti dell’app di pagare per i servizi e che gli agenti non affrontino alcuna difficoltà quando recuperano il denaro.
      • Valutazioni e recensioni. Questa caratteristica è obbligatoria per qualsiasi app che è destinata a servire come un luogo dove i fornitori di servizi e i destinatari dei servizi si incontrano. Controllando le recensioni e le valutazioni, i clienti possono fare una scelta informata e alla fine avere un’esperienza più soddisfacente.