Blog
Oltre i dati. L’ esperienza utente negli ecommerce B2B vs B2C: breve analisi delle convergenze tra i due mercati
Andrea Bigando
February 19, 2024
Sponsored
$
app servizi on-demand
transizione digitale
digital skills
on-demand economy
UX design

Oltre i dati. L’ esperienza utente negli ecommerce B2B vs B2C: breve analisi delle convergenze tra i due mercati

Nel mondo digitale di oggi, l'importanza di offrire un'eccellente User Experience (UX) e Customer Experience (CX) non può essere sottovalutata

Oltre i dati: l’ esperienza utente negli ecommerce B2B vs B2C

Nel mondo digitale di oggi, l'importanza di offrire un'eccellente User Experience (UX) e Customer Experience (CX) non può essere sottovalutata, soprattutto quando si tratta di applicazioni e e-commerce. Le esperienze che le aziende offrono ai loro utenti possono definire il successo o il fallimento nel mercato altamente competitivo di oggi. Questo articolo esplora e sottolinea le affinità e le differenze tra l'esperienza utente nei contesti Business-to-Business (B2B) e Business-to-Consumer (B2C), offrendo spunti preziosi per chi si approccia a questi temi, con alcuni suggerimenti in merito alle strategie da mettere in atto.Nella seconda parte del post invece ci si concentra nel vedere quanto altro ci sia, oltre l’analisi dei dati, che possa aiutare a migliorare l’esperienza utente, portando avanti in parallelo le considerazioni fatte per il B2B vs il B2C.

Affinità ed elementi differenzianti tra UX e CX nel B2B e B2C

Anche se i mercati B2B e B2C possono sembrare diversi a prima vista, condividono alcune affinità fondamentali quando si tratta di UX e CX. Entrambi richiedono un'interfaccia intuitiva e facile da usare, che minimizzi il carico cognitivo dell'utente e massimizzi l'efficienza. La personalizzazione, inoltre, gioca un ruolo chiave in entrambi i contesti, poiché aiuta a creare un'esperienza più coinvolgente e soddisfacente per l'utente. Infine, sia nel B2B che nel B2C, il feedback degli utenti è essenziale per iterare e migliorare continuamente l'esperienza offerta.Nonostante le affinità, esistono differenze significative nell'approccio all'UX e alla CX nei mercati B2B e B2C. Nel B2B, le decisioni d'acquisto sono spesso il risultato di un processo di valutazione più lungo e complesso, che coinvolge più stakeholder. Di conseguenza, il prodotto digitale deve supportare funzionalità avanzate di reporting e integrazione con altri sistemi, oltre a presentare informazioni dettagliate sui prodotti e servizi in modo chiaro e accessibile.Invece, nel B2C, l'emotività e l'immediatezza giocano un ruolo più centrale, con decisioni d'acquisto spesso istintive e basate sull'attrattiva visiva e sull'esperienza complessiva. Pertanto, l'UX in questo contesto deve essere veloce, semplice e gratificante, con un'enfasi maggiore sull'aspetto visivo e sulla facilità di navigazione.

Strategie di UX/CX efficaci nel B2B

Per eccellere nel B2B, è fondamentale adottare strategie di UX che facilitino la vita dei decision maker aziendali. Questo include la creazione di dashboard personalizzabili, l'integrazione fluida con software terzi e la messa a disposizione di strumenti di analisi dati avanzati. L'obiettivo è rendere ogni aspetto dell'esperienza il più efficiente e produttivo possibile, aiutando le aziende a vedere il valore aggiunto del vostro prodotto o servizio.

Strategie di UX/CX efficaci nel B2C

Per il B2C, invece, la chiave del successo risiede nell'offrire un'esperienza utente coinvolgente e memorabile. Questo si traduce nel puntare su design intuitivi, caricamenti rapidi delle pagine e processi di checkout semplificati. Inoltre, personalizzare l'esperienza di acquisto attraverso raccomandazioni basate sui dati di navigazione e acquisto precedenti può significativamente aumentare la conversione e la fedeltà del cliente.💡 L'evoluzione digitale ha trasformato radicalmente il modo in cui le aziende si relazionano con i loro clienti, indipendentemente dal fatto che operino in ambito Business-to-Business (B2B) o Business-to-Consumer (B2C). La transizione verso un'economia sempre più incentrata sull'esperienza digitale pone l'accento sull'importanza di comprendere e ottimizzare l'esperienza utente (UX) e l'esperienza cliente (CX) nelle piattaforme di e-commerce. In questo contesto, emerge con chiarezza come le aspettative e le esigenze degli utenti B2B stiano iniziando a convergere verso quelle tradizionalmente associate al B2C, richiedendo un approccio olistico e innovativo alla progettazione dell'esperienza digitale.

L'importanza dei dati nell'esperienza B2B e B2C

In un mondo in cui il 75% degli acquirenti B2B sarà rappresentato da millennial entro il 2025, non sorprende che le aspettative legate all'esperienza di e-commerce B2C stiano diventando la norma anche nel contesto B2B. Questo cambiamento di paradigma evidenzia l'importanza di caratteristiche quali una navigazione intuitiva, la ricerca avanzata nel sito, checkout semplificati, call-to-action chiari, molteplici opzioni di pagamento, carrelli memorizzati e un'esperienza ottimizzata per dispositivi mobili. Queste funzionalità rappresentano oggi best practices consolidate per offrire un'esperienza d'acquisto online fluida e soddisfacente, sia che si tratti di utenti B2B che B2C.

La gestione dei dati come fulcro dell'e-commerce B2B

La gestione dei dati rappresenta un aspetto cruciale dell'e-commerce B2B. La disponibilità di dati PIM (Product Information Management) adeguati e di team capaci di ottimizzare il motore di ricerca del sito sono elementi fondamentali per sfruttare appieno le potenzialità dell'e-commerce. L'investimento in risorse qualificate per la gestione dei dati è essenziale per garantire un'infrastruttura solida, capace di supportare un'esperienza utente senza intoppi. In questo contesto, la preparazione dei dati emerge come una fase critica del processo, precedendo spesso l'implementazione dell'e-commerce B2B e giocando un ruolo chiave nel successo a lungo termine della piattaforma.

Convergenza delle esperienze B2B e B2C

L'esperienza B2B moderna richiede una profonda integrazione delle caratteristiche tipiche del B2C per rispondere alle esigenze di un processo di acquisto complesso, che spesso coinvolge diversi stakeholder e richiede flussi di lavoro personalizzati. Le piattaforme di e-commerce moderne stanno investendo risorse significative per colmare queste esigenze, integrando le "cose belle" del B2C (migliore UX) e risolvendo al contempo le complessità del B2B. Questo approccio non solo soddisfa le aspettative degli utenti ma semplifica anche i processi di acquisto, facilitando le transazioni e migliorando l'efficienza operativa (migliore CX).

Tecnologia e aspettative nell'e-commerce B2B e B2C

La tecnologia gioca un ruolo centrale nel colmare il divario tra le aspettative degli utenti e la realtà dell'e-commerce B2B. Sono tre i pilastri fondamentali dell'e-commerce che devono essere ottimizzati per incontrare il cliente dove si trova, cioè online:

  1. La "trovabilità" del prodotto
  2. La decisione e l'abilitazione all'acquisto
  3. L'esperienza post-acquisto

In questo scenario, l'Intelligenza Artificiale (IA) offre opportunità promettenti per personalizzare l'esperienza d'acquisto e migliorare l'efficienza operativa, a condizione che l'infrastruttura dati di base sia solida e ben gestita.

Verso un approccio MVP nell'e-commerce B2B

L'adozione di un approccio MVP (Minimum Viable Product) può rappresentare una strategia efficace per le aziende B2B che desiderano introdurre l'e-commerce. Questo approccio consente di lanciare rapidamente sul mercato funzionalità limitate, testare la risposta del mercato e iterare in base al feedback ricevuto, riducendo i rischi e accelerando il time-to-market. L'MVP si trasforma quindi in "Most Valuable Product", ovvero il prodotto migliore che si sia in grado di costruire, ed emerge così come una strategia vincente per le aziende che desiderano navigare con successo la complessità dell'e-commerce B2B, costruendo allo stesso tempo le proprie capacità digitali.

In conclusione

La convergenza delle esperienze utente nel B2B e B2C rappresenta una tendenza inarrestabile nel panorama dell'e-commerce. Per le aziende che operano in entrambi i contesti, comprendere e integrare le migliori pratiche dell'UX e della CX è fondamentale per soddisfare le aspettative degli utenti moderni e garantire il successo a lungo termine. Attraverso un approccio olistico che include la gestione avanzata dei dati, l'integrazione di tecnologie innovative e l'adozione di strategie agili come l'MVP, le aziende possono offrire esperienze d'acquisto eccezionali, indipendentemente dal contesto B2B o B2C in cui operano.